Corsi di allenamento della memoria

                                       “ Otto incontri per ricordare”  … posso partecipare?                         

Nel momento in cui scriviamo si è avviato il progetto “Otto incontri per ricordare”,  approvato dal “Concorso  di idee”  indetto da CUP 2000,   che ha visto ARAD  affiancata da molti partner, fra cui  Ancescao.  

 Il successo riscosso è stato persino eccessivo , visto che il numero massimo  dei partecipanti previsto era di 20, ed almeno altrettanti candidati  non hanno potuto accedervi.

Il corso si tiene presso il Centro Sociale Montanari, sempre attento ad ospitare  le iniziative tese ad aumentare la salute fisica e  mentale, ed è svolto dalla neuropsicologa Elena Lo Sterzo, che si avvale della collaborazione di altre professioniste volontarie di ARAD.

I criteri di inclusione al corso sono stati:  l’età ( è stato riservato agli anziani), l’omogeneità delle capacità cognitive rilevate con un semplice  test, la cronologia dell’iscrizione ( è stato iscritto chi è arrivato prima nelle tre date programmate per la raccolta delle adesioni).

Il corso nasce dalla consapevolezza che, appurato che con gli anni tutti ricordiamo un po’ di meno, la memoria si può allenare anche dopo i 60 anni. Ormai è diffusamente conosciuto che il  nostro cervello è come un muscolo: più lo alleniamo, più funziona meglio. Se, invece, ad un certo punto molliamo, apriamo la strada ad una sorta di “indebolimento” cerebrale.  Il miglior allenamento possibile è, appunto,  la ginnastica mentale da svolgere dapprima  con veri e propri esercizi cognitivi insegnati da professionisti  adeguatamente preparati, ma poi ci si può esercitare  anche a casa da soli. Le attività cognitive mirate all’allenamento  sono efficaci perché si basano sulla plasticità del nostro cervello che è in grado di stabilire nuovi contatti tra le cellule,  oltre a saper reclutare reti neuronali che magari prima erano poco attive.

Durante gli incontri settimanali, dunque,   si svolgono vere e proprie  lezioni di allenamento per la mente per far apprendere delle strategie da applicare sempre,  con il fine  di ottenere effetti positivi  sulla vita di tutti i giorni. Il materiale usato è semplice e divertente, e, al termine della lezione, vengono assegnati “i compiti” a casa: ad esempio ricordare una lista usando la categorizzazione, o ricordare qualcosa tramite la tecnica dell’associazione, o ancora scrivere un elenco di parole con un determinato suffisso … e chi più ne ha, più ne metta! Al termine del corso si testeranno i risultati ed il gradimento del percorso. Ma l’impressione che abbiamo già da  oggi è che si richiederà di ripetere l’esperienza: ogni tanto fa capolino, dalla porta della stanza in cui si svolgono gli incontri,  una persona sempre diversa che chiede” posso partecipare?”. Che fatica rispondere “no, non può!”, perché in effetti siamo già tanti e si rischia di non riuscire ad eseguire tutti gli esercizi:  magari bisogna ripetere perché qualcuno non ha sentito, o un altro non vede bene …. . 

Pensare al numero ottimale: una considerazione  DA RICORDARE per la prossima esperienza!

Seguite il nostro sito per essere aggiornati sulle prossime edizioni di "Otto Incontri per Ricordare"!